Il Calendario Lavazza 2020 fotografato da David LaChapelle

È stato presentato il nuovo Calendario Lavazza 2020.

La serie Earth CelebrAction firmata da David LaChapelle è un visionario inno alla natura.

L’annuncio era già avvenuto quest’estate.

Qualche giorno fa, a Venezia, hanno svelato le suggestive immagini del Calendario. L’Azienda ha scelto di omaggiare la Natura con la serie Earth CelebrAction. Si tratta di un progetto di grande attualità, che celebra la bellezza del nostro pianeta e riflette sull’importanza che ha l’uomo per la difesa dell’ambiente. Il fotografo statunitense ha messo in scena un racconto simbolico, dove la convivenza tra uomo e natura evoca situazioni fantastiche, in scenari suggestivi.

“L’evoluzione della ricerca di LaChapelle verso temi legati alla sostenibilità e alla protezione dell’ambiente ci è sembrata incontrare idealmente l’evoluzione del Calendario”, spiega Francesca Lavazza, Membro del Board del Gruppo Lavazza.

E aggiunge “L’edizione 2020 intitolata Earth CelebraAction è un invito rivolto a ognuno a rendere omaggio alla bellezza della Natura e a prendersene cura. Le immagini realizzate da LaChapelle, con la loro forza estetica, rappresentano la volontà di utilizzare l’arte come strumento per costruire una nuova relazione tra la Terra e noi esseri umani. Il Calendario continua ad essere uno strumento ideale per stimolare il senso critico sul presente, usando l’arte e la bellezza per coinvolgere ed ispirare”.

LaChapelle firma per Lavazza un nuovo appuntamento con la grande fotografia e segna un’ulteriore evoluzione nella storia del Calendario. Dal 1993 il Calendario racconta l’identità di uno dei brand italiani più amati nel mondo. Lo fa attraverso la fotografia, una delle attività che hanno contribuito maggiormente a consolidare l’immagine aziendale a livello globale.

La scelta del fotografo viene spiegata anche da Michele Mariani.

Il Direttore Creativo Esecutivo dell’Agenzia Armando Testa: “Quest’anno volevamo parlare di sostenibilità con una cifra stilistica diversa, fuori dall’area del reportage. E soprattutto volevamo tornare a produrre un Calendario con immagini forti, memorabili e un po’ visionarie. Ecco perché è stato facile pensare a LaChapelle. David aveva già fatto parte della famiglia artistica Lavazza, e in questi anni abbiamo seguito con molta attenzione il suo percorso e la sua evoluzione. Ha messo la Natura e l’ambiente al centro della sua ispirazione e pur conoscendo il suo modo di lavorare, ci ha di nuovo sorpreso, per il suo universo immaginifico, la ricchezza delle sue ispirazioni, la cura ossessiva per il dettaglio.”

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *