Al via la seconda edizione di “Sciaranuova festival”, il teatro in vigna di Planeta

0 0

Un proscenio naturale all’ombra del vulcano, tra una pineta secolare e i terrazzamenti che un tempo erano vigneti, dove Planeta ha fortemente voluto e realizzato il proprio teatro a cielo aperto. Quattro artisti, sotto la direzione di una siciliana innamorata della sua terra. Questa la formula della seconda edizione di “Sciaranuova Festival”, prodotto dall’azienda nella tenuta Sciaranuova a Passopisciaro (Castiglione di Sicilia).

Lo spettacolo inaugurale sarà venerdì 29 luglio: Vincenzo Pirrotta, grande narratore contemporaneo, porterà in scena il suo romanzo di formazione “All’ombra della collina”.

Sabato 30 luglio sarà il turno di Trizziridonna, con il concerto “A vucca ri l’arma”: tre donne, che tesseranno canti, leggende e malìe siciliane.

Fuori dal teatro, nella mattinata di domenica 31 luglio, Paola Pace e Valeria Di Chiara guideranno il pubblico in un’inedita “passeggiata poetica” alla scoperta di fiori e poesie “endemiche” del vulcano.

Il programma del secondo fine settimana del Festival vedrà venerdì 5 agosto Massimo Verdastro portare in scena “Una Divina di Palermo”, dal poeta Nino Gennaro: monologo cult notturno, straziante, metropolitano.

Rosario Tedesco chiuderà il festival il 6 agosto con “Se dico Goethe”, una pièce sulle orme del poeta tedesco nel suo celeberrimo “Viaggio in Sicilia”.

Infine, lo stesso Rosario Tedesco condurrà domenica 7 agosto una passeggiata “In levare”, facendoci ripercorrere i passi di Goethe e altri poeti sull’Etna.

Gli spettacoli inizieranno al tramonto e saranno preceduti da un aperitivo con i vini Planeta.

Info:  eventi@planeta.it  e  39 0925 1955465

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Stragusto, a Trapani torna la festa del cibo di strada
Next post Catania, “Il meglio dell’arte contemporanea figurativa” in mostra al MacS