Aloiv, il brand per bambini: uno stile personale e divertente

Aloiv anagramma di Viola

Il giovane brand di abbigliamento e accessori per bambini nasce nel 2015 da un’idea della designer Giulia Macii. Indipendente e concreta Giulia ha sempre coltivato la passione per la moda. Da autodidatta ha imparato a tagliere e cucire, a giocare con gli accessori, provando e sperimentando per creare uno stile tutto suo personale, ricercato e subito riconoscibile.

Da bambina mi piaceva giocare con le Barbie, come tutte le bambine da piccole, ma ancor di più mi piaceva cambiare loro i vestiti, scambiarli, mixarli fino al momento in cui sono andata oltre e ho iniziato a idearli e a crearli con quello che trovavo in casa. Da pezzi di stoffa a carta velina colorata che disegnavo e ritagliavo per le mie insolite creazioni di moda”.

Di necessità virtù

La passione per qualche anno è stata accantonata, ma le idee continuavano a frullare in testa. Poi con la nascita della primogenita Viola – Aloiv – qualcosa è riaffiorato e la passione si è concretizzata creando vestiti per lei. Un vero e proprio mini guardaroba personalizzato, con uno stile unico e ricco di dettagli che non passano inosservati.

La passione diventa un lavoro a tempo pieno grazie a Instagram

“È stato tutto casuale e veloce al tempo stesso. Quando uscivo con Viola, spesso mi chiedevano di che marca fossero i vestiti che indossava. Ho iniziato a postare su Instagram le foto della mia bambina con i capi fatti da me appositamente per lei e sono iniziati ad arrivare i like, i commenti, le domande. Il riscontro con gli altri e il sostengo della mia famiglia e degli amici mi ha fatto capire da subito che quella che era una passione poteva diventare un lavoro a tempo pieno!”

L’inizio tra hobby e mercatini e il successo non ha tardato ad arrivare

“Iniziare a cucire per la mia bambina, ed esporre le mie creazioni nei mercatini o al PopUpMarketSicily mi ha dato sicuramente visibilità, e la spinta per crederci di più. Così ho continuato creando il mio brand e il  marchio. L’impegno e i sacrifici sono stati totalizzanti, ma giorno dopo giorno le richieste sono aumentate, la possibilità di poter personalizzare ogni capo, essendo fatto su misura a mano, è stata la strada vincente. La possibilità di creare look coordinati MiniMe, mamma figlia-o, è stata accolta con entusiasmo. Con la mole di lavoro è nata anche la necessità di trovare collaborazioni con altre figure professionali che mi affiancassero in questo progetto che è in continua crescita ed evoluzione”.

Le sfide quotidiane

Ogni giorno è un nuovo giorno, lo sa bene la stilista Giulia Macii che nel frattempo ha avuto una seconda bambina Irma. Insieme a Viola sono le mini modelle che indossano i capi di abbigliamento e accessori che vengono poi fotografati e messi sui social. Instagram di certo fra tutti i social è stato il motore che ha attivato il passaparola e la crescita stessa del brand. Ma non bisogna mai fermarsi, e Giulia sa bene anche questo. Costante e continua la ricerca di materiali adatti a dare forma alle sue creazioni, così come le stampe spesso disegnate e create appositamente per lei, per realizzare capi unici. Essere sempre connessi per andare incontro alle esigenze della clientela è necessario, mai come adesso.

Al tempo del CoVid19 nascono le mascherine per bambini, anche Aloiv ha convertito parte della sua produzione ?

“È stato necessario adeguarsi sin da subito alle nuove esigenze, dopo un iniziale momento di smarrimento e incertezza ho intuito che in tutto questo i bambini non erano stati presi in considerazione abbastanza. Ho ideato una mini Capsule Collection di pigiami e di abiti casual – sempre in stile Aloiv – per stare a casa e potersi muovere in libertà. Inoltre avendo anch’io due bambine ho creato delle mascherine  – copri bocca e naso – con delle fantasie accattivanti, con stampe allegre e colorate, da poter indossare quando necessario. La creatività e la flessibilità sono state fondamentali in questo momento. Bisogna sempre inventare qualcosa di nuovo, restando fedele al mio stile ma ascoltando anche le richieste del mercato e del momento”.

I capi più richiesti?

” Sicuramente le gonne Nuvola, create con strati e strati di tulle, in tinta unita, o colorati come la recente creazione arcobaleno; e i costumi da bagno: interi, bikini, culotte, trikini, infiniti modelli e fantasie in cui spesso le rouches sono i dettagli che esaltano le linee semplici. In questo momento ovviamente le mascherine, per bambini e per adulti, anche queste personalizzabili.

Progetti per il futuro?

Grazie ad Instagram sono arrivata a tante persone, con tenacia e costanza ho perseverato nei mie obiettivi abbattendo i confini locali e anche nazionali, il prossimo passo è poter creare su larga scala così da soddisfare tutte le richieste e poter crescere ulteriormente. Ogni giorno le sfide e le difficoltà non mancano, ma io sono determinata ad andare avanti nel mio sogno che sta crescendo con le mie bambine, motore e fonte di ispirazione delle mie creazioni.

Giulia Macii, con le sue mini modelle, vi aspetta su Instagram per scoprire ogni giorno le novità di Aloiv!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *