Anna Wintour in tuta su Vogue Magazine. Un segno di questi tempi e una riflessione sulla moda che verrà

Anna Wintour in tuta su Vogue Magazine

La moda come mezzo di espressione. La moda cambia, torna e ritorna, ha la capacità di catturare i tempi e contemporaneamente di adattarsi ad essi. Come una fotografia fissa il momento, come uno specchio ci mostra la realtà e ci apre uno spiraglio sul futuro.

Cosi Anna Wintour, la donna che da sempre detta le regole della moda, anticipa le tendenze e scova il nuovo che indosseremo sostenendo giovani designer, appare sul profilo Instagram americano di Vogue Magazine in “abiti da casa”.

In tuta ma sempre fedele a se stessa

Immancabile cassetto con piega perfetta, immancabili occhiali da sole grandi e scuri – sua cifra stilistica – anche da tenere in casa. Nonostante i vari articoli su cosa indossare per stare in casa, come vestirsi per lo smart working e per essere prefetto anche per lee call conference improvvise, lei sovverte ancora una volta le regole.

La moda si adatta al cambiamento

La storia ci ha insegnato da sempre che ci sono corsi e ricorsi degli eventi. Solo chi ha spirito di sacrificio, adattamento e intraprendenza può salvarsi. Probabilmente questo vale anche per la moda.

Dobbiamo parlare apertamente e apertamente di ciò che la moda sta attraversando, ma altrettanto importante, dobbiamo iniziare a immaginare cosa verrà dopo. Per favore, unisciti a noi.”

Anna Wintour condivide questo suo messaggio e il modo in cui #VogueGlobalConversations ha deciso di trattare l’argomento con un evento-dibattito su Zoom.

La moda che verrà

Quello che sta accadendo probabilmente in privato tra messaggi, mail e vocali tra gli addetti al lavoro e gli esperti di settore adesso viene alla luce come una necessità di confronto. Un gruppo di redattori di Vogue in tutto il mondo ha avuto l’idea di tenere una serie di conversazioni, tramite Zoom, sul futuro della moda e della creatività.

Le domande sono sicuramente quelle che in molti si pongono nel mondo della moda – ma anche in tanti altri settori -. Cosa riserva il futuro? Come si riprenderà il nostro settore? E, soprattutto, come possiamo cambiarlo in meglio?

Un fondo dedicato

Oltre l’appuntamento in questo forum virtuale il tema di American Vogue ha costituito Vogue / CFDA Fashion Fund, A Common Thread, per cercare di dare sollievo a coloro che nella moda degli Stati Uniti ne hanno più bisogno. Creare opportunità nonostante il periodo è necessario.

La moda deve cambiare

Con l’auspicio che sia più forte, più riflessiva e più sostenibile.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *