Borse di paglia e cestini di vimini tutto l’anno con i modelli di Micaela Spadoni

Il trend delle it bag vede la conferma ancora della coffa di paglia tutto l’anno, del panaro tipico del sud indossato con disinvoltura indipendentemente da outfit, location, evento e stagione.

Da sempre usato come pratico contenitore per la spessa, anno dopo anno è stato portato alla ribalta ed elevato ad oggetto di moda, tendenza e culto. Grande merito fu delle dive dello scorso secolo. La prima fu l’attrice e icona di stile parigino Jane Birkin che tra gli anni ’60 e ’70 indossava questa borsa non solo per la spiaggia in estate, ma anche in città, tra i vicoli della amata Parigi, con cappotto o pelliccia. Spesso con una semplice tshirt e jeans ma sempre con l’immancabile coffa di paglia.

Le generazioni cambiano e si ispirano al passato, la moda passa ma lo stile resta

Micaela Spadoni giovane designer Siciliana – founder dell’omonimo brand- ha fatto della tradizione e dell’artigianalità il suo vessillo, creando una collezione di borse in paglia da indossare tutto l’anno.

Classe 85, primogenita di tre figli, trascorre l’infanzia fra i pittoreschi vicoli di Taormina, per poi conseguire la maturità classica nella città di Catania. Si trasferisce a Milano nel 2003, perfezionando gli studi presso L’istituto Marangoni. Sostenitrice del Made in Italy, porta avanti il suo progetto dal 2014, anno di fondazione del marchio di borse “Micaela Spadoni Handmade in Sicily”.

Sinceramente “ciò che più di ogni altra cosa mi ha sempre interessato, è il concetto di moda inteso come opera; nel senso di lavoro, di lavoro artigianale che si può toccare, e che ha una sua forma: una sua composizione”.

E le sue borse infatti sono tutte da collezionare, essenziali e tradizionali nelle forme ma con dettagli briosi e frizzanti, la creatività è palpabile e visibile.

Due sono i cardini che sottendono il mio brand: il made in Italy, e la traduzione in chiave moderna di concetti tradizionali. Per questo la scelta d’esordire con la coffa siciliana”. 

Realizzata con lo stesso metodo artigianale dell’intreccio di foglie di palma nana, ogni borsa viene poi decorata a mano attraverso una continua contaminazione di spunti contemporanei e non. 

Occorrono fino ad 8 ore per completare una borsa. Mi piace sentire la grammatura dei tessuti sotto la pelle, mentre li cucio. Ho bisogno di sovrapporli, di accostarli e di cucirli uno ad uno, prima di collocarli esattamente nel mio progetto, così come accade con le parole che compiono un discorso sensato”.

Frange, passamanerie, pompon, drappi, pattern squadrati o marezzati a tinte fluo…

Le mie borse sono tutte realizzate a mano con l’antico metodo dell’intreccio, e sempre a mano, sono poi rifinite con le passamanerie che seleziono accuratamente. Alcune di esse sono solo scampoli che trovo nei mercati, o in qualche vecchia bottega; altre provengono dai miei viaggi, e altre ancora da fornitori manifatturieri moderni. Ecco perché ogni modello di borsa può essere realizzato in numero limitato. Sono concepite come oggetti di design da collezionare, molte di esse sono pezzi unici.

PANIER CON CILIEGIE
Quanto la comunicazione attraverso i social è fondamentale e quanto è ancora utile il buon vecchio passaparola ? 

Il passaparola è molto utile perché da sempre fa conoscere, incuriosisce ma con l’arrivo dei social tutto ciò è globale, trovo questo molto stimolante ed interessante.

Micaela è molto attiva sui suoi canali social. Su Instagram ama condividere i suoi viaggi, i luoghi cari, gli angoli di una Catania che ancora l’emoziona e la ispira. La giornate passate nel suo laboratorio e showroom dove ogni angolo è ricco di creatività e colore.

Borse di paglia tutto l’anno come vuole l’ultima tendenza? 

La paglia non ha stagione è da sempre così.

Non solo borse ma anche cappelli, i “cappelli magici” sempre in paglia intrecciata, borse in paglia di Vienna per un allure ancora più elegante. I nomi delle varie creazioni sono suggestivi ed evocativi: Mica, Nica, Saccus…

Chi è la Donna che sceglie le tue creazioni? 

 La Donna che scegliE le mie borse, ha un gusto ben definito, la definirei consapevole.

Diverse le influencer e It girl che scelgono di completare i loro outfit indossando le creazioni di Micaela Spadoni.
La possibilità di far diventare il cliente un creativo,  quanto è stimolante?  

Interpellare il cliente è molto stimolante, e poi cosa c’è di più bello di soddisfare un’altra persona.

Parola chiave è customizzare, ovvero personalizzare la propria coffa. Un servizio attivo sullo shop online che permette di rendere ancora più unica e ricercata la propria borsa, potendo scegliere anche di arricchire con le tracolle rimovibili – altro trend di stagione -.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *