Il Consorzio vini DOC Sicilia sarà a Verona per la 54esima edizione del Vinitaly
Read Time:1 Minute, 15 Second

Il Consorzio vini DOC Sicilia sarà a Verona per la 54esima edizione del Vinitaly

0 0

Con uno stand completamente dedicato, in cui sarà possibile degustare i vini delle aziende produttrici, il Consorzio vini DOC Sicilia sarà a Verona per la 54esima edizione del Vinitaly, in programma dal 10 al 13 aprile. Durante il Vinitaly si terranno alcuni appuntamenti a cura proprio del Consorzio che ha chiuso il 2021 con una produzione di oltre 95 milioni di bottiglie.

“Questa edizione del Vinitaly è l’occasione per presentare e approfondire, in uno spazio interamente dedicato, alcune attività del Consorzio di tutela vini DOC Sicilia, volte a promuovere, tutelare e proiettare nel futuro la denominazione DOC Sicilia”, ha dichiarato il presidente Antonio Rallo.

Gli incontri presso lo stand avranno come oggetto particolari focus dedicati ai vitigni più rappresentativi dell’isola. Come Nero D’Avola, Grillo, Lucido. E anche un focus sui rosati siciliani. Alcuni appuntamenti pomeridiani, ospitati nell’Area Conference della Regione Sicilia, inoltre, saranno dedicati a progetti, iniziative e attività. Come la presentazione dell’analisi “Immagine, percepito e prospettive del DOC Sicilia in Italia” una ricognizione del percepito d’immagine, di brand e del vissuto del Sicilia DOC e del Consorzio stesso con relativi orizzonti, in particolar modo rivolti al consumatore del 2030.

Ci sarà spazio anche per un incontro dedicato alla Fondazione SOStain, con un programma di sostenibilità per la vitivinicoltura nella prima regione in Italia per area agricola dedicata alla produzione biologica, promosso dal Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia e da AssoviniSicilia.

Qui il calendario completo: https://bit.ly/3uxg54A

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Il sogno ricamato addosso, l’ultima collezione di Marco Strano è stata un ritorno a far rivivere il bello
Next post Aspettando Cheese Art al CoRFiLaC di Ragusa