Donnafugata e Dolce & Gabbana presentano Rosa 2020

Donnafugata e Dolce & Gabbana presentano Rosa 2020

La natura si risveglia e porta nuova vita, profumi e colori. È tempo di Rosa, il vino rosato frutto della collaborazione tra Dolce&Gabbana e Donnafugata all’insegna dell’amore incondizionato per la Sicilia, la tradizione più autentica e il tocco umano.

A un anno dal suo esordio internazionale, la nuova uscita di Rosa celebra l’arrivo della primavera, stagione della rinascita, e rende idealmente omaggio al fiore simbolo di passione ed eleganza. Con l’annata 2020, Rosa è anche proposto per la prima volta nel formato magnum, una versione che ne esalta la particolare versatilità: perfetto come aperitivo, Rosa è infatti anche ideale compagno di abbinamenti con crudi di pesce, piatti vegetariani e carni delicate.

Nato da un blend originale di uve Nerello Mascalese e Nocera, Rosa vendemmia 2020 sorprende per il colore tenue e brillante, e per il suo accattivante bouquet di gelsomino, fragoline e bergamotto. Al palato spicca la freschezza del Nocera, il vitigno coltivato da Donnafugata tra le colline di Contessa Entellina, nel cuore dell’affascinante campagna siciliana. La particolare finezza e persistenza di questo rosato sono invece legate all’inconfondibile mineralità del Nerello Mascalese dell’Etna, il maestoso vulcano che domina la parte orientale dell’isola.

Rosa è una piccola produzione di pregio, da territori e vigneti che testimoniano la straordinaria ricchezza e diversità della viticoltura siciliana.

Impreziosito sin dal suo lancio dallo speciale packaging ispirato all’iconografia del carretto siciliano, Rosa esprime i valori di creatività e artigianalità Made in Italy che Dolce&Gabbana e Donnafugata condividono e portano nel mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post La cuoca ragusana Ludovica Raniolo alla finale nazionale del Trofeo Lady Chef
Next post La protesta: Natale Giunta manifesta contro i provvedimenti del governo che colpiscono i ristoratori