Fashion Hub Market, i giovani alla conquista di Milano Moda Donna

La Camera Nazionale della Moda Italiana presenta la quarta edizione di Fashion Hub Market all’interno dell’Unicredit Pavilion di Piazza Gae Aulenti a Milano. Sono 15 i giovani brand italiani e stranieri selezionati che presentano le loro collezioni di prêt-à-porter e accessori.

Bav Tailor. Nata a Londra e di origini indiane. Si specializza in Fashion Design allo IED di Milano. Nel 2015 fonda il suo brand di lusso sostenibile, proseguendo la tradizione sartoriale dei nonni. Utilizza materiali e tecniche che condensano l’eccellenza dell’innovazione e dell’artigianalità.

Cora. Clara Giaquinto, dopo aver studiato al Politecnico di Milano e allo IUAV, lavora in Australia, a Bali e a NY. Tornata a Milano collabora con Aquilano. Rimondi e nel febbraio del 2016 crea il suo brand, Cora. I capi sono estremamente preziosi e femminili, penati per una donna elegante e moderna.

Damico Milano. Lanciato dal fashion designer di Latina Francesco d’Amico, il brand debutta con la prima collezione a Settembre 2015 durante Milano Moda Donna. È un marchio di calzature femminili di lusso che fonde in un solo prodotto ricerca, cultura, tecnica e femminilità.

Davide Grillo. È del ‘93, si forma tra Parma, la Saint Martins e lo IED. Dopo un’esperienza in Dolce&-Gabbana Alta moda, nel 2016 fonda l’omonimo brand. I tessuti della sua collezione sono arricchiti da illustrazioni e fini ricami che impreziosiscono le leggere silhouette per una donna eterea, romantica e nostalgica. Qui all’hub è un lieto ritorno.

Guen. Torna anche Daniela Fiorilli nell’hub di Camera Moda, che dopo aver frequentato il Polimoda di Firenze e il Fashion Institute of Technology di New York, ha lavorato per Escada e Patrizia Pepe. Nel 2012 crea Guen e in questa edizione presenta un’anto-logia dei suoi pezzi iconici.

Hiroki Kataoka. Dopo aver lavorato come progettista 3D, a 25 anni decide di occuparsi di scarpe artigianali. Le sue creazioni si basano sulla fusione della cultura geek giapponese: cartoni animati, manga e moda di strada. Una vera e propria esplosione di colore e creatività. Swatch l’ha designato vincitore dell’Its Artwork 2015.

Kalyah. Nora Aldamer è nata e cresciuta in Arabia Saudita; la sua passione per la moda l’ha portata a diplomarsi alla Parsons di New York. Nel 2013 lancia la prima collezione del suo brand. Le radici sono quelle della sua terra, di cui esplora i costumi, trasportandoli in un concetto di eleganza estremamente contemporanea.

Lalo. Lalo Dolidze è una designer Georgiana, ha iniziato il suo percorso creando cardigans fatti a mano. Con la gemella Nina nel 2012 ha lanciato Lalocardigans, ispirandosi soprattutto al mondo della natura, delle piante e dei fiori. Nel 2016 hanno lanciato una seconda linea: Lalo, dal concetto più sofisticato e lussuoso. Ogni pezzo è ancora fatto a mano e quindi unico.

Marco Laganà. Per Marco è la seconda volta al Fashion Hub Market. Laurea in Design della Moda al Politecnico di Milano, nel 2013 si trasferisce a Parigi e lavora per il brand di calzature Camille Tanoh. Nel 2015, tornato in Italia, fonda l’omonimo brand di scarpe, è finalista di Who’s On Next e partecipa alla collettiva “Il nuovo vocabolario della moda italiana”.

Marco Rambaldi. Nasce nel 1990 a Bologna, si diploma prima in graphic design e design del prodotto, poi nel 2013 in Design della Moda presso lo IUAV. Composizione strutturale, accostamenti cromatici e sperimentazione dei materiali sono gli elementi che più caratterizzano il suo lavoro. L’immagine è rigorosa, pulita, contraddistinta da forte linearità.

Chiocciolini Firenze. Fiorentino e laureato in architettura, nel 2012 con la sorella Francesca fonda il suo marchio e apre l’Atelier Chiocciolini. Linee nette e geometriche si mescolano perfettamente a morbidezza e fluidità. Gesti flessibili, emozioni tramutate in oggetti e sogni in materia, sono le cifre di stile che lo identificano.

Museum of Friendship. È un brand donna fondato nel Febbraio 2014 a Londra da Momo Wang, studentessa della Saint Martins. Museum of friendship, raccoglie e trasforma indimenticabili me-morie, emozioni ed esperienze condivise esclusivamente tra ragazze. Una collezione che parla di intimità e viaggi dentro l’universo femminile.

Outlaw Moscow. Dilyara Minrakhmanova si occupa delle collezioni donna e Maxim Bashkaev, di quelle maschili. Il loro obiettivo è di combattere l’aggressività, l’isolamento e l’odio che esistono ancora in alcuni ambiti della Russia moderna. Si ispirano al patrimonio artistico russo, dove le culture asiatiche ed europee sconfinano e si estremizzano.

Tommy Zhong Ritorna in questo contesto anche il marchio di Tommy Zhong e Jenny Nelson, fondato nel 2015. Si fa notare per tessuti unici realizzati a mano. I due designer lavorano insieme per coniugare heritage ed estetica orientale con la creatività occidentale.

Visone. Nasce a Napoli nel ’92. Questo gli permette di avere a disposizione le migliori competenze artigianali al mondo e decide quindi di localizzare la produzione interamente nella sua città. Esordio a Super e White, poi Premium a Berlino e a Premiere Classe. Camera Moda lo risceglie per la seconda volta per inserirlo in questa piattaforma.

Info: www.milanomodadonna.it

Foto: Bav Tailor

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *