Festival del Cinema di Roma

Il festival del cinema di Roma, alla sua 14° edizione, sarà presso l’ Auditorium Parco della Musica, il 17 – 27 ottobre 2019

In programma nove film nella sezione RIFLESSI alla Festa del Cinema di Roma, qui tutte le informazioni e di seguito alcuni titoli:

NOT EVERYTHING IS BLACK

di Olmo Parenti, Italia, 2019, 61’ | Doc |
A sei persone non vedenti in giro per il mondo viene data una macchina fotografica e chiesto di scattare foto di tutto quello che vogliono usando i loro altri quattro sensi. Tra Turchia, Italia, Stati Uniti, Libano e Spagna i sei personaggi si cimentano nell’esperimento raccontando il loro punto di vista sulla realtà. Il film apre e chiude con un intervento di Andrea Camilleri.

MOKA NOIR: A OMEGNA NON SI BEVE PIÙ CAFFÈ | MOKA NOIR: NO MORE COFFEE IN OMEGNA

di Erik Bernasconi, Svizzera, 2019, 93’ | Doc |
A Omegna, lo scorso secolo nacque il distretto del casalingo italiano ad opera di aziende come Bialetti, Alessi e Piazza, che coi loro oggetti arrivarono nelle cucine di tutto il mondo. A seguito delle crisi economiche, dei cambiamenti generazionali, della globalizzazione, delle delocalizzazioni e delle lotte operaie, gli anni d’oro finirono, lasciando un immenso vuoto negli stabilimenti abbandonati e nei cuori della popolazione locale.

THAT CLICK

di Luca Severi, Stati Uniti, 2019, 90’ | Doc |La vita e le straordinarie fotografie di Douglas Kirkland, che con la sua macchina fotografica ha ritratto sessant’anni di cultura pop, spaziando dal fotogiornalismo ai ritratti di personaggi famosi, dalle foto di scena alla documentazione di grandi eventi globali. Dopo aver scattato alcune delle foto di Marilyn Monroe diventate poi tra le più famose, con il suo stile e approccio unico ha raccontato la moda e le celebrità con immagini immortali.

THE WHEEL OF KHADI – THE WARP AND WEFT OF INDIA | LA RUOTA DEL KHADI – L’ORDITO E LA TRAMA DELL’INDIA

di Gaia Ceriana Franchetti, Italia, 2019, 70’ | Doc |Una storia dell’India attraverso le sue arti tessili, dal Khadi agli handlooms e powerlooms, dall‘Indipendenza all’India di oggi. Leggero come le stoffe, elegante, lucido e potente il film racconta il paese visto dagli occhi di Gaia, viaggiatrice italiana che conosce tutta l’India. La storia è illuminata dalla voce e dalla carismatica presenza di Tara Gandhi Battacharjee, la nipote del Mahatma Gandhi, che ha vissuto con lui fino a sedici anni. | In viaggio |

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *