“La Messinese al Cous Cous Fest” due grandi tradizioni si incontrano a San Vito Lo Capo, l’originale ricetta di Francesco Arena

Tra i grandi interpreti della cucina italiana selezionati per prendere parte alla XXII edizione del Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo c’è l’Ambasciatore del Gusto messinese Francesco Arena.

Anno dopo anno, San Vito, località marinara tra le più belle e conosciute della provincia di Trapani, ospita importanti chef, prestigiosi giornalisti e grandi esperti di enogastronomia che prendono parte ad una festa di sapori e civiltà unica che celebra la pace e l’integrazione dei popoli.

Per questa edizione, che ha preso il via il 20 settembre, è stato invitato il bakery chef messinese Francesco Arena che insieme ai colleghi dell’Associazione italiana degli Ambasciatori del Gusto, Lillo Freni e Rosario Umbriaco, sarà il protagonista di un cooking show che si svolgerà venerdì 27 settembre alle ore 17.00 al Bia Theatre, un teatro all’aperto in piazza Santuario, cuore pulsante del paese di San Vito Lo Capo.

Per l’occasione Francesco Arena interpreterà il cous cous con grande originalità. Il nome del piatto “La Messinese al Cous Cous Fest” racconta l’idea del viaggio e della commistione tra due territori siciliani, tra due differenti e affascinanti culture gastronomiche, molto radicate nel territorio.

LA RICETTA CHE VEDREMO AL COOKING SHOW

Il cous cous, piatto della tradizione sanvitese che testimonia la convivenza della cultura maghrebina con quella siciliana, incontra la focaccia tradizionale messinese.

Nasce così l’idea dell’Ambasciatore messinese di sostituire la tradizionale pasta lievitata con una base di cous cous incocciato a mano, cotto sottovuoto a bassa temperatura, e farcito con crema di tuma, emulsione di scarola, pomodorini confit, acciughe fresche fritte in olio extravergine di oliva, scaglie di mandorle tostate e polvere di capperi di Salina. Utilizzando alcuni degli ingredienti della tipica preparazione di street food messinese, con qualche importante aggiunta, Arena lancia la sfida trasformando la base focaccia in cous cous e proponendo una cottura innovativa della semola incocciata a mano.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *