La Sicilia delle donne nel primo festival del genio femminile

di Valeria Lopis – Marzo tradizionalmente mese delle donne e delle mimose a loro consacrate, è l’orizzonte temporale tracciato per il primo festival delle donne in Sicilia, l’iniziativa che vuole dare voce e merito alle figure femminili che si sono distinte per talento e valore.

Intento della prima edizione è celebrare il genio femminile espresso nelle arti dello spettacolo per tracciare un’inedita mappatura delle donne in scena.

“Ritrovare le tracce della presenza delle donne nei territori, nei borghi, nelle città in cui sono vissute è l’obiettivo di questo festival. – spiega interrogata sul senso dell’operazione Marinella Fiume, ideatrice della manifestazione insieme a Fulvia Toscano – In quanto a me penso che le donne abbiano bisogno di trovare una tradizione, una genealogia per uscire dall’ombra e affermare il loro protagonismo”

Una latitanza e in certi casi un’assenza che si sente l’esigenza di colmare con nomi, identità e storie declinate su una pluralità di prospettive e di competenze: dall’Arte alla Matematica dalla Letteratura all’Astronomia all’Arte di governo al Giornalismo alla Filosofia.

Le direttrici artistiche, Marinella Fiume, scrittrice e curatrice dell’unico esistente dizionario “Siciliane – Dizionario biografico (2006)”, e Fulvia Toscano, anima del Festival di successo NaxosLegge, per questa Prima Edizione 2021 puntano sul tema “DONNE IN SCENA”, ne saranno protagoniste le tante donne di Sicilia contemporanee che hanno dominato i palcoscenici come musiciste e cantanti, capocomiche e attrici di cinema e teatro, scenografe, danzatrici.

Il festival avrà la formula dell’evento (in presenza e in digitale) diffuso nei territori dove queste artiste hanno operato, dove il loro straordinario talento è fiorito.

L’organizzazione, tutta declinata al femminile. è composta da Katia Di Blasi, Sakiko Chemi, Mariada Pansera e Giovanna Toscano, sotto la guida e il coordinamento di Marinella Fiume e Fulvia Toscano, e sta facendo un lavoro particolarmente complesso, di stimolo e coordinamento di studiose e studiosi, di Enti, Comuni, Fondazioni, Scuole, per la creazione di una banca dati che rimane difficile perché è possibile solo parzialmente riferirsi e attingere a una precedente tradizione, se si escludono le 333 donne contenute nel Dizionario “Siciliane”.

I libri di storia della Sicilia appaiono svuotati dalle donne invisibili anche nella Toponomastica delle città come fossero state nei secoli abitate solo da uomini: l’obiettivo del festival è di creare un clamoroso precedente sottraendo all’oblio i contributi e gli sguardi della femminilità, gli immaginari diversissimi orditi dal genio femminile in ogni ambito.

Ricostruire “l’ altra metà dell’Isola”, viaggiando idealmente dal medioevo al novecento per poi formulare un concreto itinerario sulle loro orme e nei loro luoghi, nascerà così il primo Itinerario delle “STRADE DEL GENIO FEMMINILE DI SICILIA” da percorrere e condividere anche come pacchetto di un’offerta turistica.

La presentazione del cartellone avrà luogo l’8 marzo.

Per informazioni: lasiciliadelledonne@gmail.com

Cell. +39 3204355901 (Giovanna Toscano) +39 3289657939 (Katia Di Blasi) +39 3471541797 (Mariada Pansera) +39 3402939860 (Sakiko Chemi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *