La visione di Pino Cuttaia e la sua formula per ripartire

Un pensiero lucido e ragionato quello di Pino Cuttaia, 2 stelle Michelin a Licata (AG), ospite domenica scorsa della diretta Instagram di Streetfashionfood.

Durante l’appuntamento lo chef ha condiviso le sue riflessioni con la pacatezza di sempre, restituendo al pubblico collegato le impressioni della sua quarantena e le possibili prospettive future della ristorazione, uno dei settori più duramente colpito dall’emergenza sanitaria.

Distillando le parole, lo chef ha raccontato del tempo che ha messo in vaso, conservando in vetro gli ingredienti del paniere siciliano, un gesto che tradizionalmente appartiene alla stagione in corso che stiamo vivendo solo parzialmente a causa dell’isolamento, il distanziamento sociale necessario per superare il nemico invisibile.

Un messaggio efficace con dentro tanta voglia di ricominciare, intriso della consapevolezza di voler continuare a fare un mestiere faticoso che è la sintesi di tanti gesti e tante figure chiave del territorio, un valore condiviso e che ha ispirato anche la manifestazione Nnumari, ideata e fortemente voluta dal cuoco licatese.

Le riflessioni sull’architettura e sull’ambiente, il cibo come nutraceutica nel rispetto dei cicli naturali e che mantiene in salute formulando uno scambio simbiotico tra l’uomo e la natura, lo chef ha toccato tanti temi con la disinvoltura di un grande pensatore, un cuoco pensatore.

 

Apprezzato non solo come chef ma anche in qualità di ambasciatore nel mondo della Sicilia enogastronomica più ancestrale e dotata di biodiversità, il Presidente dell’associazione Le Soste di Ulisse ha risposto alle domande dei tantissimi followers collegati con la diretta, tra i quali alcuni ristoratori che hanno chiesto a più riprese come poter gestire la diminuzione dei coperti, spettro sempre più presente nella proiezione della riapertura; ai colleghi Cuttaia ha ipotizzato l’idea dei doppi turni, una soluzione che funziona solo per alcune attività e che non può essere la panacea della ricostruzione che dovremo affrontare.

L’appuntamento della domenica proseguirà su Instagram con altri personaggi che proveranno a confrontarsi con le nuove traiettorie del tempo, vi lasciamo con i saluti dello chef Cuttaia.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *