Louis Vuitton apre il suo primo cafè e ristorante a Osaka

Il 1° febbraio, il brand di lusso francese aprirà un cafè e un ristorante nella sua nuova maison di Osaka, in Giappone. Questa è la prima volta che il marchio si avventura nel campo culinario.

Louis Vuitton è uno tra i marchi di lusso che hanno sottolineato e suggellato il rapporto tra moda e cibo, una sinergia che da vita a caffè e ristoranti in giro per il mondo.

Tiffany ha aperto il suo Blue Box Café nel 2017 a NY, e a breve aprirà a Londra. A Firenze è noto Gucci Osteria, a Milano una conferma è Marchesi Prada, così come a New York una certezza è Ralph’s Café.

Adesso è arrivato il momento di Louis Vuitton

Nel confermare la notizia del primo Louis Vuitton café al mondo, il presidente e amministratore delegato Michael Burke ha fatto sapere che quello di Osaka potrebbe essere solo il primo di una serie di progetti lifestyle per la maison del gruppo LVMH.

Le Café V sarà ospitato al quarto – e ultimo – piano del negozio. C’è anche un cocktail bar e una terrazza all’aperto, che lo rende un luogo ideale per il pre o post shopping in primavera.

Invece a cena si apriranno le porte di Sugalabo V, che aprirà accanto al cafè. Gemello dello storico Sugalabo di Tokyo, ristorante acclamato dalla critica (e dov’è impossibile entrare) dello chef Suga, che attualmente è classificato il 47° posto tra i migliori ristorante al mondo.

Entrambi gli hotspot, Le Café V e Sugalabo V, presenteranno menù creati ad hoc dal celebre chef giapponese Yosuke Suga, tutto sarà interamente giapponese.

Suggestivo e simbolico

Dietro una porta a bocca aperta, la versione di Louis Vuitton del ritrovo nascosto, ha una cucina aperta. I dettagli del design sono simili all’originale, quindi con legni caldi e dettagli eleganti, ma distintamente LV: ad esempio, Tokujin Yoshioka ha progettato caricabatterie originali per le postazioni del tavolo. Creatore di Objets Nomades (la collezione di accessori e accessori ispirati al viaggio di Vuitton, elemento base in mostre di design come Design Miami e Salone de Mobile), Yoshioka è noto per le sue opere moderne ispirate alla natura.

Gli interni avranno anche dettagli nautici che rimandano all’architettura dell’edificio nel suo insieme.

Progettato da Jun Aoki

L’architetto Jun Aoki ha immaginato una struttura leggera e luminosa ispirata alle vele svolazzanti delle tradizionali barche Higaki-Kaisen di Osaka. La facciata stessa ricorda le vele fluttuanti.

Per una visita, preparati a effettuare una prenotazione con largo anticipo: Sugalabo V consentirà l’accesso solo a pochi commensali a notte.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *