Parigi, Maison Valentino porta in passerella poesie e sogni luminosi

Siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni. ( W.Shakespeare )

La Maison Valentino alla sua sfilata parigina ispira sogni, poesia, una normalità sorprendente e stravagante allo stesso tempo.

La collezione primavera estate 2020 presentata presso l’Hotel National des Invalides di Parigi dal direttore creativo Pierpaolo Piccioli apre con il bianco. Un lungo inizio, dodici abiti in total white comprese le borse.

Ad impreziosire il tutto, illuminando e scintillando, sono i gioielli e il make-up

Maxi gioielli dorati, sottili ma elaborati, con fantastiche creature come dettagli. Il trucco è esagerato e gold, occhi ricoperti con bagliori di lucentezza che completano il look e a tratti diventano anch’essi protagonisti.

Passo dopo passo viene introdotto il colore

Ed è fluo, è intenso, è pieno. A seguire, il nero, le stampe, le applicazioni, le paillettes e le piume. Linee nette e pulite, come da sempre tratto distintivo della maison, sfilano anche volumi che non sono mai esagerati ma sempre equilibrati in armonia con l’insieme.

La purezza di forme e volumi si unisce alla conversazione con una stravaganza di colori e materiali, mentre le stampe maxi ed audaci sono cariche di un’urgenza narrativa che incanta.

Pezzi universali come la camicia bianca, lo chemisier, l’abito, la gonna a matita, i bermuda sono ridotti all’essenza e interpretati con la ricchezza della Couture, in popeline di cotone. L’ordinario diventa straordinario.

Gli accessori

Oltre i gioielli poetici e maxi, le scarpe sono sandali bassi intrecciati e allacciati alle caviglie.

#RockstudSpikeFluo

La borsa protagonista è l’icona Rockstud Spike, mini, midi, maxi nei colori fluo verde, giallo, arancione, rosa e azzurro, da subito disponibile online e nelle boutique selezionate a Parigi, Milano, Pechino e Tokyo.

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *