Milo, Opera Festival: musica, performance e turismo esperienziale

Milo, Opera Festival: musica, performance e turismo esperienziale

Milo, il suggestivo paesino alle pendici dell’Etna, farà da palcoscenico al meglio della musica indipendente, pop, e afrobeat del panorama siciliano, nazionale e internazionale. Si parte dalla ricerca di sound dalle forti radici territoriali con Nicola Cruz, Shingai, Nu Genea, Alfio Antico, Alessio Bondì e Christophe Chassol fino al pop critico con M¥SS KETA, Joan Thiele e Ginevra Nervi.

Nei weekend dal 27 al 29 Agosto e dal 3 al 5 Settembre a Milo, il suggestivo paesino alle pendici dell’Etna dove il maestro ha trascorso gran parte della sua vita, farà da palcoscenico ad artisti italiani e internazionali.

Venues e locations affascinanti come l’anfiteatro all’aperto di Milo, i vigneti alle pendici del paese, i grandi alberi monumentali tipici del paesaggio etneo saranno protagonisti della prima edizione di Opera Festival insieme agli artisti nazionali e internazionali che illumineranno la notte di Milo. La prima edizione di Opera Festival è ispirata a Genesi, il capolavoro lirico di Franco Battiato portato in scena nel 1987.

Nei due weekend dal 27 al 29 Agosto dal 3 al 5 Settembre si spazia dall’indie pop, di M¥SS KETA & i DPCM, fino all’afrobeat futuristico di Shingai, indiscussa protagonista della calda scena dell’afro pop londinese, passando per i beat partenopei dei Nu Genea, le sonorità tradizionali di Alfio Antico e il pop in lingua siciliana di Alessio Bondì. Attesissime le sonorità esotic lounge di Nicola Cruz, i paesaggi sonori di Christophe Chassol, i timbri vocali elettronici di Ginevra Nervi, e lo show del poliedrico cantautore siculo-inglese Sergio Beercoock. Tanti gli altri protagonisti internazionali, italiani e siciliani che si esibiranno nelle due date del festival come la vibrante cantautrice italo-colombiana Joah Thiele e Dj Gruff, protagonista della golden age del rap italiano.

Il Concept

Il concept di questa prima edizione di Opera Festival, è dedicato a Genesi, il capolavoro lirico firmato dal maestro Franco Battiato. In scena la decadenza quasi irreversibile del genere umano, sui quali incombe un ennesimo diluvio universale, contrapposto ad un’unica via di salvezza rappresentata dalla bellezza, della danza, e della musica, unici strumenti di conoscenza per ritrovare la connessione ormai persa con il divino.

Opera Festival trae ispirazione dalla bellezza dagli elementi naturali dell’Etna, che rendono unico questo luogo, sospeso tra mare e terra. Come la Saponaria, una rara pianta che cresce sulla pietra lavica a temperature impervie, dalla quale si ottengono potenti unguenti e cosmetici.  La leggenda narra che fosse stata Venere ad aver posto i cuscini di saponaria sull’Etna per ricordare che anche tra le insidie più grandi può nascere amore e bellezza. Un messaggio particolarmente suggestivo che ha ispirato l’artwork di questa prima edizione che riprende i motivi vegetali e floreali di questa pianta mitica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post Giorgio Armani, nuova campagna con team tutto asiatico
Next post Per tre giorni Venezia “si vestirà” Dolce & Gabbana