Officine emotive, Veri(ismi): 29 agosto a Mineo

Proseguono le attività culturali promosse dal Museo diocesano di Caltagirone diretto da don Fabio Raimondi con l’inizio del Tour di “Officine Emotive”. Per l’occasione, sono stati scelti come location due campanili della città di Mineo (CT), la tecnologia DB Silent – con la collaborazione di Federica Alba, il supporto tecnico di www.entheso.it e di Massimiliano Salerno Main Partner Street Work Out, lo sponsor de “Il Vecchio Pasticciere” e “Spizzichia”. Il tema dell’incontro previsto per giorno 29 agosto è “Veriismi. Verismo, Realismo, Neoprealismo, Iperrealismo”. Un percorso emotivo che ha come punto di partenza e di arrivo la sagrestia della chiesa del Collegio, e come luoghi di ascolto e di riflessione la sommità di due tra i campanili più suggestivi della città: chiesa del Collegio, chiesa di S. Maria Maggiore. I capisaldi emotivi sono affidati a L. Capuana, G. Pellizza da Volpedo, H. Ibsen, R. Rossellini, F. Fellini, F. P. Frontini, M. Callas, N. Rota e molto altro che, in dialogo con il suggestivo panorama, diventeranno latori di visioni uniche. Il numero massimo di partecipanti previsto è di 25. L’accreditamento avverrà alle ore 19,30 presso i locali del Circolo S. Agrippina in via Spadaro Ferreri, 3. I campanili saranno raggiunti sotto la guida dei volontari. Cos’è “Officine Emotive” Si tratta di un corso di alfabetizzazione alle arti visive di 12 incontri programmati a tema, alla scoperta delle arti visive attraverso percorsi multidisciplinari tra letteratura, cinema, musica e fotografia. L’obiettivo principale è, infatti, affrontare la storia dell’arte non con un linguaggio tecnico ma puntando alla comprensione e alla fruizione da parte del grande pubblico. Affinché l’arte – in special modo quella contemporanea – non venga subìta dal potenziale fruitore, ma venga partecipata e compresa. “Officine emotive” vuole creare momenti di aggregazione e di confronto che mettano in relazione discipline e interessi diversi. Ogni incontro sarà strutturato in modo originale, sulla base di un dialogo crossmediale, che vede l’intervento di ospiti (artisti, musicisti, ballerini, attori) che daranno dinamicità al tema trattato. Il fine è quello di innescare l’elemento “curiosità” e nutrire la conoscenza. Il primo appuntamento è stato il 25 febbraio e si concluderà il prossimo novembre.

Per Info e prenotazioni e-mail: didattica@museodiocesanocaltagirone.it cell. FABIO 3917793320 | ELISABETH 3285658519 | FEDERICA 3386153785 www.museodiocesanocaltagirone.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *