Pescatori per un giorno, il nuovo turismo in mare

Fedagripesca, imprese facciano rete per ampliare l’offerta

Pescatore per un giorno, partecipando ad un’escursione in mare per imparare l’arte della pesca. Mangiare a bordo e scoprire le coste italiane, nel rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid.

Sono diversi gli imprenditori che provano a ripartire puntando su attività collaterali legate appunto al turismo e alla gastronomia. Un settore che potrà beneficiare delle misure di credito concesse grazie alle garanzie di Ismea, come anche della ‘cambiale azzurra’.

Provvedimenti pronti a coinvolgere 10 mila imprese operative Italia duramente colpite dalla crisi per il coronavirus.

Questa estate attività come pescaturismo e ittiturismo potrebbero decollare, con 6 italiani su 7 che si dichiarano incuriositi.

Lo fa sapere un’indagine di Fedagripesca-Confcooperative, rilevando però che l’offerta è ancora frammentata, basata quasi esclusivamente su iniziative del singolo operatore.

“Occorre creare una rete nazionale che faccia dialogare i nostri operatori, favorendo l’aggregazione dell’offerta nelle marinerie – spiega all’ANSA Fedagripesca – così da proporre al turista un ventaglio più ampio e in grado di far fronte anche a richieste provenienti da gruppi”.

E di esempi virtuosi non mancano.

Nello Stretto di Messina, ad esempio, le sorelle della cooperativa ‘I Mancuso’ fanno squadra con l’associazione pescatori feluche dello Stretto, storiche imbarcazioni di legno per la pesca al pesce spada; obiettivo è potenziare la ricettività a bordo ancora limitata per garantire la sicurezza, ma anche per soddisfare in futuro, quando le condizioni lo permetteranno, le richieste proveniente dal turismo legato alle crociere.

Passando alla Sardegna, la cooperativa Tortolì si adegua alle norme anti-covid, ridefinendo gli spazi e le modalità di fruizione dell’ittiturismo, che offre un menu che cambia ogni giorno, in base al pescato, ma in cui non possono mancare le ostriche, fiore all’occhiello della cooperativa. Una proposta gastronomica per il momento apprezzata dai consumatori locali, “con la speranza – fa sapere la cooperativa – che nelle prossime settimane torni a muoversi anche il turismo proveniente dal continente”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *