Speciale Catania Film Fest, Etna Digital Academy e il workshop “Promuovere un film nell’era digitale”
Read Time:2 Minute, 11 Second

Speciale Catania Film Fest, Etna Digital Academy e il workshop “Promuovere un film nell’era digitale”

0 0

di Angela Olivella e Irene Monti – Protagonisti della X edizione del Catania Film Fest non sono solo i film in concorso, ma anche i diversi workshop e le masterclass che vogliono renderci partecipi di ciò che succede dietro le quinte: il processo che ogni film compie prima – e dopo – di arrivare nelle sale.

La sede che ospita questi incontri è Trame di quartiere, situata nello storico quartiere di San Berillo. 

Lunedì 29 novembre il festival ha ospitato l’Etna Digital Academy, per il workshop dal nome “Promuovere un film nell’era digitale” con Mirko Domanti e Davide Faranda.

Senza dubbio oggi promuovere l’uscita nelle sale di una nuova pellicola significa farlo per l’80% sui social e il restante 20% tramite radio e televisione. Difatti hanno spiegato che la produzione di un film è un processo molto articolato, che consta di varie fasi. Hanno poi analizzato in modo approfondito i vari strumenti di comunicazione cinematografica. 

Per finire i ragazzi presenti sono stati coinvolti in un gioco che mirava a simulare una campagna social per il lancio di un film nel mondo della pubblicità, dei social e della promozione cinematografica.

Per la giornata di martedì 30 novembre l’ospite è stato Alessandro Costantini, direttore di Cinema Live, per due workshop: “Gestione consapevole dei diritti di sfruttamento del prodotto cine-audiovisivo” e “Il self tape. Costruzione, linguaggio e aspettative”. 

È proprio Cinema Live a fare spesso masterclass su temi del genere, complicati, difficili da comprendere fino in fondo ma fondamentali per addentrarsi nel lato tecnico e legale del cinema.

Il primo workshop si è incentrato sui diritti primari e secondari dei produttori indipendenti, questione oggi molto discussa nel mondo del cinema. 

L’intervento di Alessandro Costantini si è basato sulla visione di un video che ci aiuta prima a definire la figura del produttore e dopo nello specifico quella del produttore esecutivo, del produttore non meramente esecutivo e del produttore indipendente.

Per poi continuare con un’altra video-lezione più pratica, spiegando infatti la gestione contrattuale dei diritti di sfruttamento, illustrandone le varie fasi, attività e tipologie di contratti.

Con il secondo incontro, sempre tramite video-lezioni, è stata proposta una visione più tecnica, questa volta riguardo il ruolo dell’attore, che ci spiega che cos’è il self tape e come si gira, a partire dalla gestione della luce fino al montaggio del video.

Proprio grazie ad incontri come questi, un quartiere come San Berillo, ricco di storia e con tanto da dire e raccontare, è stato punto d’incontro tra mondo del cinema e quella che viene considerata la “Catania segreta”. 

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post Speciale Catania Film Fest, in concorso: “Fall of The Ibis King”, “Home Video”, “La Conversione”
Next post Speciale Catania Film Fest, “Coriandoli” di Maddalena Stornaiuolo