Vincenzo La Porta riconfermato tra i pizzaioli ufficiali di Casa Sanremo: sarà ambasciatore delle eccellenze siciliane
Read Time:2 Minute, 0 Second

Vincenzo La Porta riconfermato tra i pizzaioli ufficiali di Casa Sanremo: sarà ambasciatore delle eccellenze siciliane

0 0

Il giovane pizzaiolo agrigentino, Vincenzo La Porta, non ancora trentenne, si prepara per volare nella città dei fiori, in occasione del Festival di Sanremoche si svolgerà dall’1 al 5 febbraio 2022 nella cittadina ligure, dove per il secondo anno consecutivo sarà presente con le sue pizze.

Grazie alla sua bravura e alla dedizione con cui si dedica al suo lavoro di pizzaiolo, Vincenzo La Porta anche per il 2022 è stato riconfermato tra i pizzaioli ufficiali di Casa Sanremo. “A Sanremo – spiega il pizzaiolo – porterò un po’ di me e della mia filosofia di cucina fondata sulla ricerca delle migliori materie prime accostate con gusto ad un impasto soffice e leggerissimo di tradizione napoletana”. 

La filosofia di Vincenzo La Porta è quella di ricercare le eccellenze in tutta la Sicilia. Così, scegliere una pizza piuttosto che un’altra equivale a fare un viaggio dove l’elemento principale insieme al gusto è la scoperta. Scoperta di luoghi, persone, produttori, storie. 

Tra le ultime novità nel menù della sua pizzeria “Le Fontanelle” ci sono le “Winter Special” in cui spiccano “Dalle Madonie” una pizza con crema di funghi porcini, provola fresca affumicata delle Madonie, prosciutto cotto al tartufo, crema di parmigiano e “Sui Monti Nebrodi” in cui protagonisti di gusto sono il prelibato capocollo di maialino nero dei Nebrodi, il pesto di noci, il songino e la cialda di parmigiano su una base di pizza bianca con fiordilatte. Da non perdere anche l’Assaggio d’autunno con crema di zucca, pancetta tesa di maialino nero dei Nebrodi, crema di bufala affumicata, datterino giallo e nocciole, e le originali rivisitazioni della Carbonara e della Norma, due grandi piatti della tradizione. L’impasto classico, ad alta idratazione, è preparato con un mix di farine di tipo 0 e di tipo 1, con 48 ore di lievitazione e maturazione. Inoltre, ogni sera Vincenzo propone alla sua clientela degli impasti alternativi, alla curcuma, alla canapa e a fermentazione spontanea. 

L’impasto classico, ad alta idratazione, è preparato con un mix di farine di tipo 0 e di tipo 1, con 48 ore di lievitazione e maturazione. Grande studioso del mondo della lievitazione, Vincenzo ha messo a punto anche la pizza a fermentazione spontanea, utilizzando la mela e i semi di lino, che risulta ancor più leggera e digeribile. Inoltre, a rotazione, prepara anche impasti speciali, con curcuma o canapa. 

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Domenica 9 gennaio, passeggiata tra i templi di Selinunte
Next post Pantone, “Color Of The Year” 2022 è Very Peri