White, It’s time to contemporary artisan si fa in tre

Il salone White Milano rinnova il suo impegno nella valorizzazione del bello e ben fatto, ripetendo  l’appuntamento con IT’S TIME TO CONTEMPORARY ARTISAN, che vede la manifestazione e Confartigianato Imprese, insieme sotto il segno di MIAC (Moda Italiana Artigiani Contemporary). Il progetto è stato creato per individuare le migliori collezioni di moda hand made, da lanciare sui mercati internazionali.

Nell’edizione alle porte il concept si sviluppa ulteriormente attraverso un vero e proprio percorso narrativo, che coinvolge tre aree espositive, per evidenziare la cultura dell’artigianato in tutte le sue molteplici sfaccettature: WHITE STUDIO, in Tortona 54, on stage a BASE Milano, nella residenza d’artista casabase, WHITE ARTISAN LOUNGE e WHITE FOLIES, in Tortona 27, tutte realizzate con la direzione artistica di Michela Zio, in collaborazione, per l’area STUDIO, con Clara Tosi Pamphili e Alessio de Navasques.

A WHITE ARTISAN LOUNGE il focus sarà sul mondo degli accessori, realizzati da 16 aziende made in Italy (9 di borse e 7 shoemaker), alcune delle quali presenti per la prima volta nella rassegna di via Tortona; come a.testoni, lo storico marchio bolognese che concentrerà la sua presenza con le nuove creazioni Emoticon, accanto a giovani brand come Matilde Upcycling e Tysbag che, insieme a Federico Price (già protagonista lo scorso febbraio dell’area dedicata alla creatività del Sud), si stanno affermando per il riuso inedito di materiali unconventional. Debutto a WHITE LOUNGE anche per Demanumea, label di borse haut de gamme, creata dall’imprenditrice e designer Silvia Scaramucci insieme a giovani artisti marchigiani, mentre Massimo Mariotti ha scelto il salone per presentare la sua nuova collection De Couture, il marchio si è messo in luce nell’edizione 2007 di Who Is On Next?. Tra le altre presenze da segnalare: Alex, Amaranti, Fabiani, Le Dangerouge Shoes e Marc Ellis, mentre nella sezione calzature Rosso Venezia, l’azienda di Mirano che da 30 anni produce collezioni per le più importanti maison del lusso come Christian Louboutin, lancia proprio a WHITE la sua prima collezione dal marchio eponimo.

WHITE FOLIES, altro nuovo spazio del progetto MIAC con il salone, porta in scena otto designer selezionati per aprire una porta sulla follia del colore, del dettaglio, della sperimentazione couture: abiti e accessori per situazioni straordinarie, ma con stile. Un esperimento fuori dal comune, che vuole lasciare spazio anche ai visionari, investendo su chi progetta moda con competenza, ma sognando. Tra gli otto protagonisti dell’area che meglio rappresentano la mission di Confartigianato e White – portare alla ribalta del fashion biz i giovani protagonisti del bello e ben fatto – c’è Filippo Laterza, lo stilista ventunenne che presenta cinque delle sue dieci opere prime, ispirate ad altrettanti artisti di fama come Sonia Delaunay, Tamara de Lempicka, Henri Matisse. Sono tutti abiti da gran sera in gazar di seta pura, stampata a mano, tulle, taffetà, tessuti puri con lavorazioni, ricami, dipinti e strabilianti patchwork che rivelano capacità espressiva e una grande perizia manuale.

WHITE STUDIO, invece, identifica l’avanguardia stilistica di matrice manifatturiera. Il percorso espositivo si snoda attraverso il salone seguendo un ideale racconto estetico, sottolineato da un mazzo di carte da gioco che invita i visitatori a scoprire gli assi dell’hand made. Tra i dieci brand selezionati, Mario Costantino Triolo riprende l’effige della Regina Elisabetta I d’Inghilterra, tra felpe ricamate a filo e tiare di prezioso pizzo chantilly, T-shirt dipinte o stampate e arricchite da trine a contrasto, pantaloni tulip con inserti valenciennes e gonne in crêpe-cady con cinti preziosi in gros-grain di mohair.

Cangiari esporrà una collezione che prende spunto dai colori della natura d’inverno, fusi tra le preziose trame dei tessuti lanosi e leggeri realizzati interamente a telaio. Un affascinante ensemble tra l’antica tradizione artigianale con radici nella Magna Grecia e le tendenze moda più attuali.

I tre slot rappresentano il non plus ultra dell’artigianato di altissimo profilo, ricercato dai top buyer di tutto il mondo e tutelato da Confartigianato Imprese.

Info: www.whiteshow.it

 

Foto copertina: Demanuma

Foto home page: Mario Costantino Triolo

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *