Che siano di struzzo, marabù o pavone poco importa: Plume Trend is back

di Alessia Salmeri – Dopo un periodo di limitazioni e lockdown il mondo della moda inserisce elementi spumeggianti per dare il via libera ad una rinascita. Per il prossimo autunno/inverno l’eccentricità delle piume incontra MFW 21/22 così da dare un tocco glamour ai nostri look. Ogni brand ha voluto sfruttare l’uso delle piume dando un ruolo e un valore diverso.

Del Core parla di una donna diva, una donna che rappresenta il connubio perfetto tra natura e lo stile chic. Questo contrasto ricade su capi che giocano con assonanze e dissonanze tra materiali opposti, shape e consistenze differenti. Le piume donano un impatto grafico e una “rottura” a quei convenzionali tailleur e soprabiti ricchi di vistose piume gialle.

In passerella meritano attenzione le creazioni di Salvo Rizza con Des Phemmes.

Il giovane designer prende come punto di riferimento l’estetica minimalista degli anni ‘90 in contrapposizione alla sensualità, che ogni donna dovrebbe avere. Perno centrale il concetto di imperfezione, difetto “sartoriale” come valore aggiunto dato da smagliature su cardigan e piume rovesciate su gonne o maglieria.

Dolce&Gabbana mette in passerella l’unione tra l’artigianalità e la ricerca. Anche qui l’estetica anni ‘90 verso un processo di innovazione.

Il valore del “fatto a mano”, dei tessuti gessati e dei bottoni madreperla acquisiscono una visione di moda Pop con cappotti, copricapi e coprispalle sommersi da piume colorate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *