Pancake con frutta e Burro Tradizionale Fiore Bavarese Meggle

Pancake con frutta e Burro Tradizionale Fiore Bavarese Meggle

I pancake, soffici e golose frittelle dalla consistenza spugnosa e dal gusto saporito, rappresentano un ottimo modo per iniziare la giornata con energia.

Già noti al tempo dell’antica Grecia, nel 400 a.C. venivano chiamati teganites dal commediografo greco Cratino, facendo riferimento al particolare tegame nel quale venivano cotti.

Questi appetitosi e morbidi dischi di pastavengono realizzati con un impasto di pochi e semplici ingredienti e cotti, solitamente, in una padella imburrata.

Perfetti da servire per una colazione sana e nutriente, soprattutto quando impilati uno sopra l’altro, sono deliziosi se accompagnati da marmellate Bio senza zuccheri aggiunti, Burro Tradizionale Fiore Bavarese Meggle e frutta fresca di stagione.

Ingredienti 6 pancake

Procedimento

Iniziate a preparare i vostri pancake fondendo 40g di Burro Tradizionale Meggle a fuoco basso in un tegamino antiaderente o in microonde per pochi secondi, quindi lasciate intiepidire.

Sbattete l’uovo con una frusta elettrica e unite il burrofuso – ormai a temperatura ambiente – insieme al latte a filo e allo zucchero, continuando sempre a mescolare. Mischiate, infine, la farina con il lievito e aggiungete entrambi al composto. Mescolate con cura finché il composto non risulta uniforme.

Scaldate sul fuocouna padella antiaderente, ungete con poco burro e versate un mestolino di preparato.

Appena iniziano a comparire delle bollicine colorate in superficie, girate la forma e fate dorare anche dall’altro lato. Procedete allo stesso modo con tutto l’impasto. I vostri deliziosi pancake firmati Meggle sono pronti per essere portati in tavola, accompagnati a piacere con frutta fresca di stagione, marmellata o miele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post L’Uovo Im-perfetto di Matteo Baronetto e Guido Gobino
Next post BARDI’S BOW L DESIGN BY LINA BO BARDI, 1951