Prendere la Vita con leggerezza. La sfilata di Saint Laurent in Islanda

Un cortometraggio intitolato ” Where the silver wind blows” diretto da Nathalie Canguilhem. Sulla stessa impronta della show primavera-estate 2021, che era stato ambientato tra le dune del destro. Così debutta la sfilata di Saint Laurent autunno-inverno 2021/22 di Anthony Vaccarello.

Lo scenario apocalittico, la natura potente e assoluta, la scogliera islandese fanno da passerella a contrasto con le modelle di Saint Laurent, vestite di lamé, tweed e ricami di cristallo. Sfidano le avversità della vita con incedere deciso ma leggero, con sfacciata disinvoltura di chi vive la vita con innata leggerezza. 

Protagonisti i codici borghesi della maison che vengono presi e messi in discussione, scomposti e ricomposti in chiave moderna e contemporanea, unendo lo stile parsienne a uno stile rigoroso che si combina con body in lamé e luyrex, con paliettes, lingerie gioiello, cristalli e tweed. 

Ogni look è un mix, una combinazione inaspettata con evidenti influenze e rimandi tra anni ’60 e ’90: jeans dritti anni ’90, cinture di oro e ricami in cristalli, mix di gioielli molto importanti e presenti insieme a paliettes, stivali xxl, la punta affilata delle decoltè con collant nero ma velato, completi anni ’60, il tweed. La cifra stilistica si muove su un sapiente e ricercato mix composto da un sopra rigoroso e da un sotto moderno. Alternati dai codici della borghesia reinterpretati in stile Saint Laurent: il colbacco di pelliccia, i ricami preziosi di cristalli,  fino ad osare oro e argento senza timore.

«Le cose serie ti spingono a prenderne altre meno seriamente, trovare l’equilibrio rimanendo al limite è un’attitudine sofisticata» Anthony Vaccarello. 

Guarda la sfilata qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *